Il Concerto per pianoforte e orchestra di W.A. Mozart

Valeria_Mozart_26_02_15_Facebook

W.A.Mozart
Concerto per pianoforte e orchestra K 271  in Mi b maggiore
Orchestra Discantus Ensemble
Pianista Valeria Ferrara

«Io immagino il concerto come qualcosa di simile all’antica tragedia […]. C’è invero una conversazione appassionata tra il solista del concerto e l’orchestra che lo affianca» (H. C. Koch, 1793).

Nel concerto, il più teatrale tra i generi strumentali, si proietta da sempre il mito del confronto tra il singolo e la massa, tra l’individuo e la società. E i concerti per pianoforte di Mozart ci mostrano un vasto campionario di possibilità dialogiche, di situazioni “sceniche’’ affascinanti e avvincenti, da cogliere mediante un’analisi che individui non tanto statiche unità formali, quanto piuttosto la vicenda del rapporto tra il solista e l’orchestra.

Il K 271 mette in crisi il mito consolatorio che Mozart aveva fino ad allora celebrato con gli altri suoi concerti, l’utopia illuministica di un’armoniosa, ancorché dialettica, convivenza tra individuo e società.

Scopripremo, in questa lezione,  come un compositore costruisce una delle forme musicali più complesse e quali verità nascoste si celino dietro la bellezza e  l’inquieto che in Mozart si fondono in un connubio senza soluzione di continuità.

Valeria Ferrara

Scopri il programma completo delle lezioni-concerto al Museo Filangieri


Hit Counter provided by iphone 5